Messaggio più recente

Solo riconoscendosi in un progetto per il Bene Comune si può prevalere sulle Destre, sempre piu estreme, aggressive e pericolose

di Piero Murineddu

Dieci anni esatti da quando su “La Nuova Sardegna” – vivente ancora Brigaglia col quale mi piaceva interloquire per posta e che al tempo curava lo spazio riservato ai lettori –  venne pubblicata una mia lettera che ripropongo oggi, al termine delle consultazioni elettorali che hanno decretato la vittoria, finalmente, di una governatrice dell’ isola donna.

Il contenuto di allora riguardava la ricorrente mania, da parte di chi si riconosce nella vasta area della Sinistra, di mettere in rilievo più le cose che dividono invece di quelle che uniscono e in questo modo, neanche a dirlo, far si che a governare la Cosa Pubblica, a livello locale o nazionale, siano le Destre e le estreme Destre, e come oggi vediamo, coi risultati oggettivamente negativi che solo chi ha capacità di giudizio obiettivo può ritenere tali.

È quanto si è rischiato anche in questa occasione per il rinnovo del Consiglio Regionale, alla quale l’ intero Paese ha guardato con grande attenzione. Renato Soru, mio coetaneo, già governatore della Sardegna e fondatore del PD sardo, con motivazioni francamente poco convincenti, ha deciso di presentare la propria candidatura in contrapposizione a quella di Alessandra Todde, esponente si del M5stelle ma con l’ appoggio dell’ intero PD nazionale e di altre liste che nel progetto di Todde si son riconosciute. A sua volta anche a Soru si sono appoggiate altre liste, lasciando così fino all’ultimo col fiato sospeso i tantissimi sardi che, dopo troppi sconquassi, vedevano la possibilità di porre fine al quinquennio disastroso della giusta Solinas voluto soprattutto dalla Lega, quell’ accozzaglia di gente che ha sempre spinto per rompere l’Unità del Paese e che ancora ci ritroviamo al Governo, con tutte le nefaste conseguenze.

L’ esito delle urne ha decisamente bocciato il progetto Soru e premiato le tante convergenze di vedute tra il movimento fondato da Grillo e i valori della Sinistra, che vede nel PD il partito maggioritario, pur con le tante contraddizioni che entrambi hanno mostrato in questi anni su diverse tematiche, per esempio la decisione presa  “democraticamente” dagli iscritti al M5stelle nel 2019 di non far processare quell’ irrimediabile Gaglioffo e Bullo di Stato EmmeEsse e l’ ostinazione del PD di voler continuare a mandare armi in Paesi in guerra, seppur vietato dalle nostre leggi. Due fatti di estrema gravità e che assolutamente le persone di buon senso non possono condividere.

Il viaggio dei giorni scorsi per poter giocare e ridere con la mia amata nipotina mi ha impedito di votare, ma nonostante la soddisfazione per il risultato, non ho difficoltà a ribadire il personale disappunto su una Sinistra che fa fatica a riconoscersi in un Unico Progetto, come il diritto di non recarsi alle urne come forma di protesta.

Ciò detto e proprio a questo proposito, chiedo:

sarà ora disposta la coalizione intorno a Soru a lavorare per il bene di tutti i sardi pur restando fuori dal Consiglio Regionale?

Sono questa e altre le domande che mi ponevo dieci anni fa e che oggi vedo di estrema attualità.

Al termine la conferenza stampa di Alessandra Todde, nuova Presidente della Sardegna, seguita da una canzone di Ivano Fossati assai significativa.

Polish_20240227_213716873

La Politica è Servizio,        non lotta per il potere

di Piero Murineddu

(La Nuova Sardegna, 27 febbraio 2014)

Ma cosa sono tutte queste continue lotte all’interno della Sinistra?

Continuerete all’infinito queste guerre fratricide e a pretendere la “ricompensa” per aver lavorato senza sosta in favore del partito?

A sentirvi in diritto di occupare quella tal carica perchè vi spetta?

A risentirvi perchè il capo non vi valorizza?

Ma dai! Se il problema è solo l’ansia del servizio, il popolo si può servire benissimo anche da dietro le quinte, senza cariche particolari, studiando e regalando le proprie intuizioni, il proprio tempo e il proprio sacrificio. Per il bene del partito, certo, ma soprattutto per migliorare questa società in continuo decadimento! O no?

Ma quali sono le motivazioni che vi hanno spinto a mettervi insieme? Per un alto obiettivo comune? Voglio crederlo. Sapete benissimo però che lavorare insieme è una fatica continua. Una strategia da studiare e rinnovare. Un confronto senza sosta perchè le teste sono tante e diverse.

Se nel confronto non c’è vero ascolto reciproco, è tutto inutile. Ci sarà l’inevitabile tendenza a voler imporre la propria visione agli altri. costi quel che costi.

Sono malizioso se mi viene il sospetto che, in fondo ma neanche poi tanto. quello che interessa veramente è fare carriera e perpetuare l’alta posizione sociale raggiunta? Dimostratemi il contrario e ne sarò ben felice.

 

Contro la tentazione di rassegnarci, alziamoci !

 

Polish_20240227_102421906

La Canzone Popolare

di Ivano Fossati

ALZATI che si sta alzando la canzone popolare. Se c’è qualcosa da dire ancora, se c’è qualcosa da fare.
ALZATI che si sta alzando la canzone popolare.Se c’è qualcosa da dire ancora ce lo dirà.Se c’è qualcosa da imparare ancora ce lo dirà

Sono io oppure sei tu, che hanno mandato più lontano, per poi giocargli il ritorno sempre all’ultima mano. E sono io oppure sei tu, chi ha sbagliato più forte, che per avere tutto il mondo fra le braccia ci si è trovato anche la morte. Sono io oppure sei tu, ma sono io oppure sei tu.

ALZATI che si sta alzando la canzone popolare, se c’è qualcosa da dire ancora, se c’è qualcosa da fare.
ALZATI che si sta alzando la canzone popolare, se c’è qualcosa da capire ancora ce lo dirà, se c’è qualcosa da chiarire ancora ce lo dirà

Sono io oppure sei tu, la donna che ha lottato tanto perché il brillare naturale dei suoi occhi non lo scambiassero per pianto.E invece io, lo vedi da te, arrivo sempre l’indomani e ti busso alla porta ancora e poi ti cerco le mani.Sono io, lo vedi da te, mi riconosci, lo vedi da te.

ALZATI che sta passando la canzone popolare. Sono io, sono proprio io, che non mi guardo più allo specchio per non vedere le mie mani più veloci né il mio vestito più vecchio. E prendiamola fra le braccia questa vita danzante, questi pezzi di amore caro, quest’esistenza tremante che sono io e che sei anche tu, che sono io e che sei anche tu.

ALZATI che si sta alzando la canzone popolare.
ALZATI che sta passando la canzone popolare.Se c’è qualcosa da dire ancora ce lo dirà. Se c’è qualcosa da capire ancora ce lo dirà. Se c’è qualcosa da chiarire ancora ce lo dirà.Se c’è qualcosa da cantare ancora si capirà

Un aiuto per capire meglio il significato
https://www.songtell.com/it/ivano-fossati/la-canzone-popolare

Accordi alla portata anche dei principianti
https://www.accordietesto.it/ivano-fossati/la-canzone-popolare-accordi/

Il brano eseguito dal vivo da Ivano e dal suo gruppo

Istruzioni per lavare il proprio gatto

FB_IMG_1708819739002

di Tal Boh

1) Preparare un asciugamano ed un phon, riempire leggermente la vasca con acqua tiepida, poi sollevate delicatamente il gatto accarezzandolo e pronunciando parole amorose con voce infantile, posizionatelo al centro della vasca e cominciate a bagnare il cucciolo partendo dal collo in direzione della coda.

2) Tamponate le ferite sulle braccia, prendete il gatto sotto il lavandino e ripetete il punto 1 contenendo le zampine del micio con mano salda ma senza trasmettergli agitazione.

3) Riemergete dalla vasca, asciugatevi, scendete al piano di sotto e recuperate l’animale dietro l’armadio, avvolgetelo nella carta da parati che ha strappato dal muro e ripetete il punto 1 avendo l’accortezza di chiudere la porta del bagno.

4) Aprite la porta, chiedete aiuto, raccogliete tutte le dita che trovate e mettetele in un sacco con del ghiaccio, ora, con una scala e un bastone, costringete la bestia a scendere dal lampadario, una volta a mezz’aria con un colpo deciso spingerlo nella vasca (precedentemente riempita fino all’orlo) e con l’aiuto di un mocio strofinarlo energicamente.

5) Rinvenite. Prendetevi due minuti per capire dove siete, liberatevi dal cavo del phon attorno al collo e fatevi largo tra le macerie fino a trovare una via di uscita. Munitevi di lancia e scudo nel caso il bastardo fosse ancora dentro casa, sigillate porte e finestre e aprite tutti i rubinetti, allagate casa sperando almeno di inumidirlo.

6) Ringraziate i paramedici e scendete dall’ambulanza, pagate i danni che quell’infame ha procurato al vicinato e stipulate un’assicurazione sulla vita prima di andare a riprenderlo al gattile.

7) Chiedetegli scusa. Veneratelo mentre si lecca via l’odore della vostra inferiorità!

Pace, libertà e giustizia sociale

Polish_20240224_073704411

Inquietanti interrogativi

di Piero Murineddu

Per quanto stamattina abbia cercato, prima di decidermi su una citazione che ben rappresentasse Pertini, alla fine la scelta va a finire sempre su questo invito a darsi da fare perché TUTTI possano godere delle tre condizioni fondamentali perché la vita sia veramente dignitosa:

LIBERTÀ  PACE  GIUSTIZIA

Sono certo che l’ uomo che per sette anni è stato presidente di tutti gli italiani, nella sua vita e con qualsiasi incarico pubblico, ma anche da giovane come partigiano, abbia fatto di tutto perché queste condizioni si realizzassero.

LIBERTÀ  PACE  GIUSTIZIA

 

Settimo presidente dopo la sconfitta del nazifascismo, quel lunghissimo periodo che infinite morti, distruzioni e dolore ha provocato nel pianeta e sette anni di presidenza tra altri due, Leone e Cossiga, del cui mandato a me personalmente ma credo a tanti altri, da ricordare di positivo non è rimasto granché.

LIBERTÀ  PACE  GIUSTIZIA

 

Quali sono gli impegnati in prima persona in politica che concepiscono la delega ricevuta principalmente per raggiungere questi tre obiettivi?

LIBERTÀ  PACE  GIUSTIZIA

 

Quanti sono coloro che domani in Sardegna dentro le cabine elettorali metteranno la crocetta sul partito e scriveranno il nome di chi ha deciso, in questa occasione o da diverso tempo, di operare perché di queste tre condizioni tutti ne godano nel quotidiano e in qualsiasi stato di vita si trovino?

LIBERTÀ  PACE  GIUSTIZIA

 

L’ attuale Governo nazionale e i ministri che lo compongono si stanno dando da fare perché a questi tre obiettivi venga data priorità assoluta?

LIBERTÀ  PACE  GIUSTIZIA

 

Nel pensiero di ciascuno di noi vi è la convinzione che il proprio operare può agevolare o al contrario impedire che queste tre condizioni si possano realizzare?

LIBERTÀ  PACE  GIUSTIZIA

 

In definitiva mi chiedo: ma cos’ è la Politica, cos’ è la Civiltà se non lo sforzo di tradurre in pratica queste tre semplici paroline che caratterizzano, dovrebbero caratterizzare, il genere umano?

 

PS
A proposito di Presidenti, a me il Sergio attuale che è solidale con la siora Giorgia perché sarebbe stata ingiuriata da un presidente di Regione per la disparità  di trattamento tra il nord e il sud del Paese mi lascia assai perplesso. Allo stesso tempo  e in queste ore di mobilitazione per la fine immediata dei conflitti armati, non si può non apprezzare la reazione di Mattarella riguardo ai pestaggi ingiustificati di giovani studenti da parte della polizia durante alcune manifestazioni:

L’autorevolezza delle Forze dell’Ordine non si misura sui manganelli ma sulla capacità di assicurare sicurezza tutelando, al contempo, la libertà di manifestare pubblicamente opinioni”.

Francesco Dedola, poeta di grande sensibilità umana

 

AddText_10-24-09.28.48

di Piero Murineddu

Francesco Dedola, venuto a mancare il 22 febbraio del 2013, era nato a Montresta (NU) il 25 ottobre 1932. Da giovanissimo era arrivato a Sorso per custodire gli animali da pascolo di una zia che da qualche tempo si era stabilita nel mio paese della Romangia. Col tempo aveva scoperto in sé il dono della composizione poetica.

Due anni prima della morte –  sopraggiunta tutt’altro che improvvisa dato che Cicitu, come veniva chiamato, da tanto tempo era costretto a fare la dialisi – avevo avuto l’onore e il grande piacere di recarmi nella sua casa per intervistarlo. Come detto, sapevo della sua passione per comporre versi poetici – in sardo principalmente dato che partecipava al concorso poetico che annualmente da noi si é svolto fin quando erano in vita i miei due illustri conterranei Tonino Rubattu e Nicola Tanda – ma nello scambio avuto prima di avviare la registrazione, con sorpresa ero venuto a conoscenza che aveva trascorsi di paroliere per alcuni gruppi musicali e, sopratutto, dei venti mesi da emigrato in Germania, di cui mi diceva di aver conservato un ricordo positivo.

Grande sensibilità d’ animo Cicitu. Ricordo con quanta commozione e con quanta difficoltà era riuscito a recitare la poesia dedicata alla vita del migranti, documentata nel video a lui dedicato che riporto a conclusione di questa pagina.

Frugando nella biblioteca-rifugio dove l’indimenticato e per me carissimo Petronio Pani trascorreva molte ore delle sue giornate, quando beninteso non era impegnato ad organizzare continui eventi culturali e sportivi e in generale a migliorare il mondo, ho ritrovato questa vecchia intervista fattagli nel 1997 da Pier Vanni Cossu, titolare dell’ edicola di Piazza Bonfigli a Sorso, per il giornale “ORIZZONTE“,  riuscitissimo frutto della passione di un gruppo di giovani sorsesi durato troppo poco tempo, come purtroppo succede per le belle cose…

A seguire, il video dedicato interamente all’ indimenticato Cicitu, nativo di Montresta ma da giovanissimo sussincu.

dedola

Francesco Dedola, da paroliere a poeta

Intervista di Pier Vanni Cossu

Tra le tante forme d’arte, la Poesia ha sempre occupato un posto molto importante sul podio della cultura e tra le sue tante sfaccettature, quella dialettale in particolare, ha goduto di un forte apprezzamento e di una grande stima dagli addetti al settore.E proprio in questo contesto si colloca la Poesia di Francesco Dedola.

– Quando ha iniziato a muovere i primi passi nella Poesia?

È stato un passaggio. Negli anni 60 e 70 facevo il paroliere. Scrivevo testi di canzoni in italiano; poi ho iniziato ad interessarmi ai concorsi in lingua sarda, così ho incominciato a comporre in sardo.

– Come paroliere ha avuto dei riconoscimenti?

Si. sono arrivato in finale alla Fiera della Canzone Italiana, una manifestazione per dilettanti tenuta a Milano negli anni 70.

– E alla Poesia dialettale quando è arrivato?

Ho iniziato a comporre i primi versi in vernacolo sassarese nel ‘78, ma da subito mi sono reso conto che non rendeva, era un dialetto troppo “stretto”, poco musicale, difficile da proporre, perciò sono passato alla lingua materna, il dialetto di Montresta.

– Da dove trae ispirazione?

Nella vita vissuta, nella povertà, nella tragedia che la Sardegna si porta appresso da secoli, nonostante i critici letterari dicano che piangiamo troppo. Molle volte si cerca di evadere, di fuggire certi argomenti troppo lamentosi, finendo nella metafora e nella satira, ma millenni di storia non si cancellano facilmente; non è della polvere che ti scrolli di dosso con un colpetto di spazzola, e per forza di cose si ricade nello scrivere lamentoso.

– Quali sono gli autori, sardi o no, che gradisce leggere?

Innanzitutto, la Deledda per la sua genuinità: nelle sue opere ritornano i temi della pena, del lamento e della preghiera della gente; poi Sebastiano Satta che tutt’oggi è considerato il più grande poeta sardo. È forse meno conosciuto ma non meno bravo, Predu Mura, di cui ricordo la sua opera “Poesias de una vida”. Ultimamente si sta riscoprendo Sergio Atzeni, ma ci sono altri più conosciuti e più amati come Salvatore Satta autore de “Il giudizio universale”. Non dimentichiamo che in Sardegna esistono circa 40 premi letterari.

– Da quale poeta sente di essere stato ispirato maggiormente?

Ho letto quasi tutti i grandi, da Virgilio a Omero a Dante, ma quello che credo abbia influenzato più di tutti il mio modo di scrivere è Gozzano, che ha un genere molto vicino alla nostra Poesia.

– Ci sono dei progetti che non è mai riuscito a realizzare?

Non ho mai avuto grandi piani, sono cosciente del mio bagaglio culturale, perciò non tento i salti mortali.

– Comunque sia, avrà pur un sogno nel cassetto.

Beh, certo. Avrei voluto pubblicare qualche romanzo. Ho una raccolta di 15 racconti di cui 14 premiati. Ma in Sardegna è molto difficile riuscire a pubblicarli. Da noi si fa poca prosa, mentre ci si occupa molto di Poesia, alle volte scadente. Non ci sono concorsi per prosatori: ne esistevano due ma non si fanno più.

– Per quanto riguarda il sardo, è più difficile scrivere in prosa o in poesia?

Forse in prosa. Nella poesia ti esprimi in 50 o 40 versi, ma nella prosa hai bisogno di una conoscenza della lingua sarda più ampia e di un bagaglio di vocaboli consistente. C’è più da lavorare. Ci sono poi quelli che finiscono per storpiarla con l’uso di italianismi estranei al nostro vocabolario. Purtroppo il sardo non ha una grande varietà di neologismi e si finisce per attingere dalla lingua italiana.

– Cosa ne pensa del bilinguismo nelle scuole? Crede che sia sufficiente per riprenderci la “Limba”?

È utile, ma ci vogliono testi qualificati. Non bisogna rifilare agli studenti tutto quello che si scrive. Il materiale va vagliato e chi insegna deve far notare la differenza tra il sardo puro e ciò che sardo non è, ma che viene fatto passare come tale per comodità.

– C’è qualcosa tra tutto quello che ha scritto che avrebbe voluto non scrivere?

Non mi piacciono più le cose che ho scritto agli inizi. Sai, le rime baciate senza senso. Alcune di esse hanno pure avuto dei riconoscimenti, ma io non le ritengo più valide.

– Che peso ha la Poesia di Dedola nella letteratura sarda?

No, questo non spetta a me dirlo, non ho mai fatto classifiche. Sono solo uno di fanti.

– Quale è stata la più grande soddisfazione legata ad una sua opera?

Talvolta non sono i premi che ti appagano; ci sono state poesie meno premiate, come “Mammutones”, che mi hanno conferito più popolarità e più soddisfazione di alcuni primi posti.

– Quanto c’è di Sorso nelle sue opere?

Poco, o meglio, quello che riguarda la vita che ho vissuto quasi interamente in questo paese.

(…)

– Solitamente si dice che gli artisti siano un po’ eccentrici. Cosa c’è di stravagante in Francesco Dedola?

lo penso che l’artista debba essere soprattutto di animo nobile. Credo che tutti gli artisti lo siano.

– Che rapporto può avere un poeta con la tecnologia, ad esempio con il computer?

Possiedo un computer, ma non l’ho mai adoperato. È un oggetto freddo, non mi attira…

– Tra mille anni, come vorrebbe essere ricordato?

Con semplicità.

 

Nel video viene focalizzata l’attenzione su un fenomeno oggi drammaticamente attuale qual’ è quella dell’ emigrazione forzata, patita da miriadi di persone provenienti in prevalenza dal sud del mondo  e a suo tempo vissuta da tanti nostri connazionali ma che in troppi sembrano aver dimenticato, compresi i vari governanti di qualsiasi appartenenza partitica che si stanno succedendo negli ultimi decenni in questo smemorato Paese. Traggo la poesia inerente a questa tematica, vissuta in gioventù  in prima persona dall’ autore.  (Piero)

 

Fascismo Criminale, ieri come sempre

Premessa

di Piero Murineddu

Dopo che lo scorso anno di questi giorni il Consiglio Comunale di Bologna, a esclusione dell’ opposizione di Destra ( ma guarda!), ha deciso che d’ ora in poi il 19 febbraio sarà la Giornata del Ricordo di tutte le vittime del colonialismo in Africa da parte del regime fascista, sarebbe opportuno che tale Memoria si estendesse a tutto il Paese. In attesa che si compia questo dovuto atto di giustizia, riporto una lunga pagina in cui si elencano nomi e cifre di quello che è stato realmente il Fascismo. In questo caso, oltre i confini dello Stivalone bagnato dal Mediterraneo. Per le criminali nefandezze provocate in terra italica, specialmente nei cervelli dei suoi abitanti, non basterebbero pagine su pagine.

Diversificata e utilissima documentazione, quella che segue, per confermare, ammesso ce ne fosse ancora bisogno, che il pensare e l’agire fascista, spesso mascherato con altre sigle, impedisce in sé la realizzazione della nostra umanitá. La lunga pagina che presento, arricchita sul finale da un contributo di un amico poeta bolognese, si aggiunge a quest’ altra pubblicata qualche tempo fa di cui riporto il link.

Gli orribili crimini a lungo nascosti del GENERALE ROATTA

FB_IMG_1613713350974

19 febbraio 1937. Nella foto, il feroce assassino Rodolfo Giuliani poco prima di ordinare la strage

Italiani brava gente?

 di Mauro Albanesi

19 febbraio 1937. Durante una cerimonia per festeggiare la nascita del primogenito di Umberto di Savoia scoppiò un ordigno, preparato da due eritrei della resistenza contro l’opposizione straniera, destinato al viceré d’Etiopia Rodolfo Graziani, reo fra le molte nefandezze anche di aver autorizzato l’utilizzo di gas lanciato dagli aerei per far strage di truppe e popolazione etiopi. Le vittime dell’attentato furono otto e lo stesso Graziani venne gravemente ferito. La rappresaglia iniziò immediatamente: in tre giorni vennero messi a ferro e fuoco Addis Abeba. I morti furono alcune migliaia, trentamila secondo le stime etiopiche: il regime fascista consumò in Etiopia un gravissimo crimine di guerra. I morti saranno centinaia di migliaia alla fine dell’occupazione italiana ed oltre ai militari furono gli italiani residenti a rendersi a loro volta complici del massacro.

“L’Italia ripudia la guerra, e nell’impresa etiopica, in mezzo a tanta violenza, ci fu un fatto terribile, una strage, di monaci, ragazzi, di famiglie di pellegrini nel 1937”, ha affermato lo storico Andrea Riccardi, in occasione della presentazione del libro di Paolo Borruso “Debre Libanos 1937. Il più grave crimine di guerra dell’Italia”. Nell’occasione il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, ha chiesto perdono “ai fratelli cristiani d’Etiopia” per il disprezzo con cui furono trattati all’epoca della guerra dagli italiani cattolici (per modo di dire). E c’è stato anche un riconoscimento di responsabilità e una domanda di riconciliazione, dopo piu di 80 anni, dal governo italiano attraverso il ministro della Difesa Lorenzo Guerini.

L’Etiopia, dunque, come la ex Jugoslavia, dove in due anni di occupazione (1941-1943) le truppe italiane si macchiarono di crimini gravissimi che causarono migliaia di morti e almeno 30mila sloveni finiti nei campi di concentramento: dal movimento di resistenza jugoslavo scaturì la replica degli anni seguenti che portarono a una nuova tragedia, quella delle foibe e dell’esodo forzato di tanti connazionali che in Istria e Dalmazia si erano nel frattempo stanziati.

Quelle etiopi e jugoslave furono reazioni ad un’occupazione italiana forzata, violenta e plasmata sugli esempi messi in atto dalla Germania nazista. Gioverebbe a un dibattito forse più sereno sul tema, non raccontare sempre e comunque una parte della storia. Altrimenti il nostro paese sarà destinato ancora una volta a non fare i conti a fondo con il proprio passato. Con il rischio di perpetuare ancora l’idea degli “italiani brava gente”, che migliaia e migliaia di pagine di inchieste hanno smentito fin da subito, addirittura già dal 1946-47 quando ad esempio venne istituita una Commissione parlamentare d’inchiesta presieduta da Luigi Gasparotto, ministro della difesa nel III° Governo De Gasperi dedicata proprio a raccogliere informazioni e testimonianze sui crimini italiani in Jugoslavia.

“Segnale – commenta Riforma.it – che allora la consapevolezza di cosa accaduto era chiara. Poi cadde l’oblio: decine e decine di gerarchi e burocrati fascisti vennero riciclati alla causa repubblicana e occuparono ruoli di primo piano nelle forze armate e nella politica degli anni seguenti, contribuendo a mantenere nascosta la verità. Emblematico da questo punto di vista il caso de “l’armadio della vergogna”, scoperto da un’inchiesta giornalistica de “L’Espresso” soltanto nel 1999, e dai cui fascicoli nascosti emersero le troppe responsabilità italiane in molti dei momenti più tragici del secondo conflitto mondiale. Migliaia di pagine sono destinate solo ai crimini italiani in Grecia, per fare un esempio. Per non strumentalizzare occorre conoscere, anche se la verità è dolorosa. Ma non farne mai i conti non aiuta una nazione a diventare adulta.
E si finisce con il dedicare mausolei a Graziani come ad Affile, 80 km a est di Roma, o a fare monumento della casa del fascio a Predappio che diede i natali a Mussolini”.

inchino_etiopi

I particolari della strage del 19 e giorni seguenti nel  febbraio 1937

di Michele Strazza

Graziani, volendo imitare un’usanza etiope, decide di distribuire a ciascuno dei poveri di Addis Abeba due talleri d’argento, uno in più rispetto a quanto ha sempre distribuito Hailè Selassiè.

Insieme agli invitati una folla di derelitti confluisce, così, nel cortile del palazzo imperiale (“ghebbì”).

Improvvisamente due intellettuali eritrei (Abraham Debotch e Mogus Asghedom) lanciano contro alcune bombe a mano uccidendo quattro italiani, tre indigeni e ferendo una cinquantina di presenti, tra cui lo stesso Graziani.

Dopo i primi momenti di panico e indecisione vengono chiuse le uscite del vasto cortile per evitare la fuga degli attentatori.

Subito si scatena il fuoco di fucileria dei militari italiani e degli ascari libici sulla folla che cerca di fuggire.

Si spara per tre ore.

Molte persone vengono uccise anche a colpi di scudiscio nei saloni del palazzo.

Fuori partono fulminee le rappresaglie, che proseguiranno per parecchi giorni. Anche le chiese non vengono risparmiate.

Così racconta quei momenti il giornalista Ciro Poggiali, ferito leggermente ad una gamba:

«Tutti i civili che si trovano ad Addis Abeba, in mancanza di una organizzazione militare o poliziesca, hanno assunto il compito della vendetta condotta fulmineamente coi sistemi del più autentico squadrismo fascista.

Girano armati di manganelli e di sbarre di ferro, accoppando quanti indigeni si trovano ancora in strada.

Vengon fatti arresti in massa; mandrie di negri sono spinti a tremendi colpi di curbascio come un gregge.

In breve le strade intorno al tucul sono seminate di morti. Vedo un autista che dopo aver abbattuto un vecchio negro con un colpo di mazza gli trapassa la testa da parte a parte con una baionetta.

Inutile dire che lo scempio si abbatte contro gente ignara ed innocente. (…)

20 febbraio 1937, sabato. (…) Sono stato a visitare l’interno della chiesa di San Giorgio, devastata dal fuoco appiccato con fusti di benzina, per ordine e alla presenza del federale Cortese. (…)

Alla sera cerco invano di ottenere dal colonnello Mazzi di telegrafare al giornale. Gli ordini di Roma sono tassativi: in Italia si deve ignorare. (…)

Il colonnello Mazzi mi smentisce che nel santuario di San Giorgio siano state trovate mitragliatrici; è segno che l’incendio non era giustificato. Per tutta la notte, con un accanimento anche più feroce che nella notte precedente, si continua l’opera di distruzione dei tucul.

Spettacoli da tragedia delle immense fiammate notturne. La popolazione indigena è tutta sulla strada. Impressionante indifferenza dei capannelli di donne e di bambini intorno alla masserizie fumanti. Non un grido, non una lacrima, non una recriminazione.

Gli uomini si tengono nascosti, perché rischiano di essere finiti a randellate dalle orde punitive. Episodi orripilanti di violenze inutili. Mi narrano che un suddito americano, per avere soccorso un ferito abissino, è stato bastonato dalle squadre dei randellatori».

Così descrive il massacro il prof. Harold J. Marcus:

«Poco dopo l’incidente, il comando italiano ordinò la chiusura di tutti i negozi, ai cittadini di tornare a casa e sospese le comunicazioni postali e telegrafiche. In un’ora, la capitale fu isolata dal mondo e le strade erano vuote.

Nel pomeriggio il partito fascista di Addis Abeba votò un pogrom contro la popolazione cittadina. Il massacro iniziò quella notte e continuò il giorno dopo.

Gli etiopi furono uccisi indiscriminatamente, bruciati vivi nelle capanne o abbattuti dai fucili mentre cercavano di uscire.

Gli autisti italiani rincorrevano le persone per investirle col camion o le legarono coi piedi al rimorchio trascinandole a morte.

Donne vennero frustate e uomini evirati e bambini schiacciati sotto i piedi; gole vennero tagliate, alcuni vennero squartati e lasciati morire o appesi o bastonati a morte».

Il fallito attentato diventa, dunque, l’occasione per quello che Mussolini definisce, in un telegramma a Graziani del 20 febbraio, «inizio di quel radicale repulisti assolutamente (…) necessario nello Scioà».

Il giorno dopo, sempre il Duce, telegrafa: «Nessuno dei fermi già effettuati e di quelli che si faranno deve essere rilasciato senza mio ordine. Tutti i civili e religiosi comunque sospetti devono essere passati per le armi e senza indugi».

Le violenze, come già detto, continuano per molti giorni, andando ben al di là dei tre giorni successivi nei quali si scatena la rappresaglia immediata.

Circa 700 indigeni, rifugiatisi nell’ambasciata inglese, vengono fucilati appena usciti da questa.
Non si conosce il numero esatto delle vittime nei primi giorni successivi all’attentato. Fonti etiopi parlano di 30.000 vittime, fra 3.000 e 6.000 secondo la stampa straniera del tempo.

Gli attentatori, intanto, nonostante la taglia di 10.000 talleri messa sulle loro teste, non si trovano. Su ordine di Graziani alla fine di febbraio vengono fucilate decine di notabili e ufficiali etiopi. Tutti muoiono con grande dignità e maledendo l’Italia.

Tra marzo e novembre ben 400 abissini, tra cui importanti personaggi pubblici, vengono imprigionati e deportati in Italia con cinque piroscafi.

Intere famiglie con donne e bambini sono confinate nel campo di concentramento di Danane, sulla costa somala, dopo aver sostenuto un lungo viaggio di 15 giorni con morti per stenti e malattie (vaiolo e dissenteria).

Il primo convoglio per Danane parte da Addis Abeba il 22 marzo, arrivando a destinazione solo il 7 aprile. Comprende 545 uomini, 273 donne e 155 bambini, ma moltissimi muoiono sulle strade battute continuamente dalla pioggia.

Seguiranno altri cinque convogli per un totale, secondo fonti italiane, di 1.800 unità. Per gli etiopi tale cifra va moltiplicata per quattro.

Secondo la testimonianza di Micael Tesemma (riportata da Angelo Del Boca), il quale trascorre nel campo tre anni e mezzo, su 6.500 internati ben 3.175 perdono la vita per scarsa alimentazione, acqua inquinata e malattie. Lo stesso direttore sanitario del campo – riferisce il testimone – avrebbe accelerato la fine di alcuni internati con iniezioni di arsenico e stricnina.

Il 28 febbraio Graziani arriva addirittura a proporre di «radere al suolo» la parte vecchia della città di Addis Abeba «e accampare tutta la popolazione in un campo di concentramento» ma Mussolini si oppone per paura di più decisive reazioni internazionali, pur confermando l’ordine di passare per le armi tutti i sospetti, ordine poi esteso a tutti i governatori dell’Impero.

Le esecuzioni proseguono anche a marzo e Graziani ordina anche la fucilazione di tutti i cantastorie, gli indovini e gli stregoni di Addis Abeba e dintorni, in quanto responsabili di annunciare nei vari mercati la fine prossima del dominio italiano. L’iniziativa è approvata da Mussolini.

Dalle carte di Graziani risulta una costante corrispondenza con Lessona nonché l’elenco dettagliato delle fucilazioni eseguite ad Addis Abeba e nella regione circostante dal 27 marzo al 25 luglio 1937 per un totale di 1.877 esecuzioni.

Il 7 aprile il Vicerè telegrafa al generale Maletti che il territorio deve «essere assolutamente domato e messo a ferro e fuoco», precisando:

«Più Vostra Signoria distruggerà nello Scioà e più acquisterà benemerenze».

Da una statistica dell’attività dell’Arma dei carabinieri, firmata dal colonnello Hazon e datata 2 giugno, si ricava che i soli carabinieri hanno passato per le armi 2.509 indigeni.

Sempre Ciro Poggiali racconta l’episodio di un capitano italiano che, dopo aver fatto razzia di bestiame a danno di una famiglia indigena, di fronte alle proteste del capofamiglia «uccide tutta la famiglia compresi i bambini». E ancora, sui metodi dei carabinieri:

«Sul piazzale del tribunale assisto al trasporto, dopo la condanna per furto, di un giovinetto moribondo per denutrizione. Un altro non si regge in piedi per le botte. I carabinieri che hanno in custodia i prevenuti da presentare alla così detta giustizia, hanno importato dall’Italia, moltiplicandoli per mille, i sistemi polizieschi più nefandi».

Anche ai reparti militari che operano sul territorio etiope viene dato ordine di passare per le armi gli Amhara trovati, quali presunti responsabili dell’attentato.

Così il capitano degli alpini Sartori è incaricato di eliminare 200 Amhara catturati nei dintorni di Soddu. L’ufficiale li ammassa in una grande fossa scoperta tra i dirupi e ordina ai suoi ascari di sparare. Il ricordo della carneficina turberà il resto della vita del capitano che morirà smemorato, qualche anno dopo, in una prigione del Kenya.

Da maggio in poi avviene la distruzione della chiesa copta sulla base anche di un rapporto dell’avvocato militare Oliveri. La tesi è quella di un complotto cui non è estraneo l’aiuto degli inglesi e della comunità ecclesiale copta.

Il battaglione eritreo, composto in gran parte da copti, viene sostituito con uno somalo mussulmano, più adatto alla repressione dei cristiani.

Le truppe (un battaglione di ascari mussulmani e la banda galla “Mohamed Sultan”), dunque, comandate dal generale Pietro Maletti, partono per la cieca rappresaglia. Lungo i 150 km che da Addis Abeba portano alla città-convento di Debrà Libanòs vengono incendiati 115.422 tucul, tre chiese e un convento, mentre ben 2.523 sono i “ribelli” giustiziati.

Dopo la distruzione del convento di Gulteniè Ghedem Micael, il 13 maggio, e la fucilazione dei monaci, il 18 maggio Debrà Libanòs viene accerchiata per punire i religiosi accusati di aver dato rifugio ai due attentatori di Graziani.

Il 19 arriva un telegramma di Graziani che conferma la complicità dei monaci nell’attentato e ordina di passare «per le armi tutti i monaci indistintamente, compreso il vicepriore».

Il 20 mattina tutti i religiosi catturati vengono caricati sui camion. All’una le esecuzioni sono terminate per riprendere poi, il 26 maggio, quando 129 giovani diaconi, risparmiati sei giorni prima, vengono anch’essi trucidati.

Fino al 27 maggio vengono passati per le armi 449 tra monaci e diaconi. Secondo ricerche portate avanti da studiosi dell’Università di Nairobi e di Addis Abeba e comunicate ad Angelo Del Boca il numero delle vittime del massacro si aggirerebbe, invece, addirittura tra 1.423 e 2.033 uomini.

Le vittime, trasportate sul luogo dell’eccidio da una quarantina di camion, vengono incappucciate e fatte accucciare sul bordo di un crepaccio, uno a fianco all’altro. Le mitragliatrici sparano in continuazione per cinque ore. Interrotte solo per buttare i cadaveri nel crepaccio.

Coperto dall’approvazione di Mussolini, Graziani rivendicò «la completa responsabilità» di quella che definì con orgoglio la «tremenda lezione data al clero intero dell’Etiopia», soddisfatto di «aver avuto la forza d’animo di applicare un provvedimento che fece tremare le viscere di tutto il clero, dall’abuna all’ultimo prete o monaco, che da quel momento capirono la necessità di desistere dal loro atteggiamento di ostilità a nostro riguardo, se non volevano essere radicalmente distrutti».

Nel dopoguerra, nonostante le richieste etiopiche, nessun italiano venne mai punito per questi e per altri massacri, favorendo la rimozione dalla memoria collettiva dei crimini compiuti dagli italiani durante le guerre fasciste.

FB_IMG_1613802191071

Nomi da ricordare e numeri da rabbrividire

(“Magazineitalia.net”)

Siamo in Italia, si rende sempre più doveroso far conoscere la verità sul fascismo, visto che esistono ancora persone, che pensano al fascismo come a un peccato veniale.Però è proprio qui, nel nostro paese che è nato, ed ha fatto da padrino al nazismo.

Essi sono complici in nefandezze e abominio. Hanno mistificato la realtà e continuano ancor oggi attraverso accoliti ignoranti a perpetrare la sopraffazione come principio fondante, la xenofobia come ideale, la ricerca mistica del capo da adorare e risolutore dei propri ed altrui problemi, spesso artatamente creati.

Rammento che il fascismo in Italia, è punito dalla costituzione e le leggi sono molto chiare a riguardo.

É un’ideologia criminale!

Nell’ordinamento italiano, l’apologia del fascismo è un reato previsto dalla legge 20 giugno 1952, n. 645 (contenente “Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione”), anche detta Legge Scelba.

Per tutti quelli che abbiano ancora le idee confuse sul fascismo e il modo di essere rappresentato è necessario ricordare:

1.Eccidio della Benedicta,

2.Eccidio di Monte Sole (Marzabotto, Monzuno, Grizzana),

3.Eccidio di Padule di Fucecchio,

4.Eccidio di Pietransieri,

5.Eccidio di Sant’Anna di Stazzema,

6.Eccidio di Vallucciole,

7.Strage di Acerra,

8.Strage di Bellona,

9.Strage di Boves,

10.Strage di Cavriglia,

11.Strage di Civitella,

12.Strage di Colle del Turchino,

13.Strage delle Fosse Ardeatine,

14. Strage di Godego,

15. Strage di Lippa,

16. Strage di Monchio, Susano e Costrignano…..

e tante altre nefandezze perpetrate, dalla Libia all’Etiopia, alla Grecia, alla Yugoslavia fino alla disfatta dopo 5 anni di guerra che fecero pagare al popolo italiano un enorme prezzo di vite umane .

Sono tutte azioni terroristiche che hanno visto i fascisti in azione con i nazisti. Persone massacrate con inaudita ferocia, civili prima torturati e poi passati per le armi, nessuna pietà per donne e bambini. Chiusi nelle chiese e poi arsi vivi dalle fiamme.

Tolsero i feti con le baionette alle donne agonizzanti e li gettarono in aria per farne bersaglio per i loro fucili.

Diffondere l’antifascismo ritengo sia un dovere, civile e morale.

La pagina più buia della storia italiana è stata scritta da Mussolini. Considerare quindi criminali, tutti quelli che per inerzia, per assoluto disprezzo della storia, per ignoranza o peggio per interesse personale, ancora si rifanno a quella ignominia che è il fascismo non è assolutamente fuori luogo ma doveroso per comprendere ciò che è stato, e che questi revanscismi siano finalmente relegati nella giusta dimensione.

LSe ancora qui in Italia non sono stati puniti come criminali di guerra è perché esistette un’armadio della vergogna, rinvenuto con le porte rivolte al muro solo nel 1994 in un locale di palazzo Cesi-Gaddi (sede di vari organi giudiziari militari) in via degli Acquasparta nella città di Roma.

Vi erano contenuti 695 fascicoli d’inchiesta e un Registro generale riportante 2274 notizie di reato, relative a crimini di guerra commessi sul territorio italiano durante l’occupazione nazi-fascista.

Per chi se ne fosse dimenticato, dopo il gran consiglio del fascismo del 24 luglio del 1943 il governo Mussolini non aveva più alcun potere legale poiché esautorato dagli stessi fascisti e quindi con la successiva proclamazione della repubblica di Salò, fu traditore ed eversivo nei confronti del successivo governo legalmente riconosciuto. Quindi criminale ad ogni effetto.

È da molto tempo che circolano su internet bufale sul fascismo e su Mussolini, spesso strumentalizzate a fini politici o di riabilitazione del fascismo, che vengono condivise da molte persone ignare della loro attendibilità. Qui di seguito verranno riportati alcuni miti su Mussolini.

Per ben inquadrare il periodo storico, ricordiamo che governò l’Italia dal 28 ottobre 1922 alla fine del fascismo con la seconda guerra mondiale, finendo per essere giustiziato dagli italiani il 28 aprile 1945 (data che coincide con la fine di quello che restava del fascismo).

Invece, per inquadrare bene Mussolini ed il fascismo, ecco spiegato in breve i suoi doni all’Italia.

Squadrismo e violenza politica.

Fra le attività “qualificanti” del fascismo del primo periodo vi è il sistematico ricorso alla violenza contro gli avversari politici, le loro sedi e le loro organizzazioni, da parte di bravacci legati ai ras locali. Torture, olio di ricino, umiliazioni, manganellate. Non di rado, tuttavia, gli oppositori perdevano la vita a seguito delle violenze.

Un calcolo approssimativo induce a calcolare in circa 500 i morti causati dalle spedizioni punitive fasciste fra il 1919 e il 1922. Il parroco di Argenta, don Giovanni Minzoni, fu assassinato in un agguato da due uomini di Balbo, nell’agosto del 1923. Ma anche quando il fenomeno della violenza squadrista sembrò perdere le proprie caratteristiche originarie, e gli uomini legati ai ras locali vennero convogliati in organizzazioni ufficiali come la Milizia volontaria, forme di violenza politica sostanzialmente analoghe allo squadrismo non cessarono di costellare la vicenda del fascismo al potere.

Per tutti, tre casi notissimi:

– nel giugno 1924 Giacomo Matteotti venne rapito e assassinato con metodo squadrista, e il gesto sarebbe stato esplicitamente rivendicato da Mussolini nel gennaio dell’anno successivo;

– Piero Gobetti, minato dall’aggressione subita nel settembre 1924, morì due anni dopo, in esilio;

– Giovanni Amendola spirò per le ferite riportate in un’aggressione fascista subita nel luglio 1925.

 

Assunto il potere Mussolini si poté giovare dell’apparato di repressione dello Stato, che venne rafforzato e riorganizzato.

Con la nascita dell’OVRA (l’Organizzazione per la Vigilanza e la Repressione dell’Antifascismo) venne razionalizzata la persecuzione degli antifascisti, con tutti i mezzi, legali e illegali. Anche l’omicidio politico in paese straniero.

Arturo Bocchini, capo della polizia, venne incaricato dallo stesso Duce e dal ministro degli Esteri Galeazzo Ciano di eliminare fisicamente Carlo Rosselli che allora risiedeva a Parigi.

Il 9 giugno 1937, a Bagnoles-de-l’Orne dove Carlo Rosselli e il fratello Nello si erano recati per trascorrere il fine settimana, un commando di cagoulards (gli avanguardisti francesi) compì la missione: bloccata l’auto sulla quale viaggiavano i due fratelli, Carlo e Nello furono prima pestati, poi, accoltellati a morte.

Lo strumento ufficiale della repressione fascista fu invece il Tribunale speciale per la difesa dello Stato. L’attentato di Anteo Zamboni a Mussolini, il 31 ottobre 1926, offrì l’occasione di una serie di misure repressive.

Tra queste la “legge per la difesa dello Stato”, n. 2008 del 25 novembre 1926, che stabilì, tra l’altro, la pena di morte per chi anche solo ipotizzava un attentato alla vita del re o del capo del governo. A giudicare i reati in essa previsti, la nuova normativa istituì il Tribunale speciale, via via prorogato fino al luglio 1943, quindi ricostituito nel gennaio 1944, nella Rsi.

Nel corso della sua attività, emise 5619 sentenze e 4596 condanne. Tra i condannati anche 122 donne e 697 minori. Le condanne a morte furono 42, delle quali 31 furono eseguite mentre furono 27.735 gli anni di carcere.

Tra i suoi ‘beneficati’, ci furono Antonio Gramsci, che morì in carcere nel 1938, il futuro presidente della Repubblica Sandro Pertini e Michele Schirru, fucilato nel 1931 solo per avere espresso “l’intenzione di uccidere il capo del governo”.

Il confino di polizia in zone disagiate della Penisola, fu una misura usata con straordinaria larghezza. Il regio decreto 6 novembre 1926 n.1848 stabilì che fosse applicabile a chiunque fosse ritenuto pericoloso per l’ordine statale o per l’ordine pubblico.

A un mese dall’entrata in vigore della legge le persone confinati erano già 600, a fine 1926, oltre 900, tutti in isolette del Mediterraneo o in sperduti villaggi dell’Italia meridionale. A finire al confino furono importanti nomi della futura classe dirigente: da Pavese a Gramsci, da Parri a Di Vittorio, a Spinelli. Gli inviati al confino furono, complessivamente, oltre 15.000. Ben 177 antifascisti morirono durante il soggiorno coatto.

La politica antiebraica del regime fascista culminò nelle leggi razziali del 1938. Alla persecuzione dei diritti subentrò, dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, anche la persecuzione delle vite. La prima retata attuata risale al 16 ottobre 1943 a Roma; degli oltre 1250 ebrei arrestati in quell’occasione, più di 1000 finirono ad Auschwitz, e di essi solo 17 erano ancora vivi al termine del conflitto.

Il Manifesto programmatico di Verona (14 novembre 1943) sancì che gli ebrei erano stranieri e appartenevano a “nazionalità nemica”. Di lì a poco un ordine di arresto ne stabilì il sequestro dei beni e l’internamento, in attesa della deportazione in Germania.

Nelle spire della “soluzione finale” hitleriana il regime fascista gettò, nel complesso, circa 10.000 ebrei. Oltre alla deportazione razziale, fra le responsabilità del regime di Mussolini c’è anche la deportazione degli oppositori politici e di centinaia di migliaia di soldati che, dopo l’8 settembre, preferirono rischiare la vita nei campi di concentramento in Germania piuttosto che aderire alla Rsi.

Nella guerra fuori dai confini i morti contano meno? Allora non si possono proprio considerare tali gli etiopi uccisi con il gas durante la guerra per l’Impero, o i libici torturati e impiccati durante le repressioni degli anni Venti e Trenta, o gli jugoslavi uccisi nei campi di concentramento italiani in Croazia.

Ma la spada di Mussolini provocò tanti morti anche tra i suoi connazionali. Mussolini trascinò in guerra l’Italia il 10 giugno del 1940, per partecipare al banchetto nazista. I risultati, per l’Italia, furono questi.

Fino al 1943, 194.000 militari e 3.208 civili caduti sui fronti di guerra, oltre a 3.066 militari e 25.000 civili morti sotto i bombardamenti alleati.

Dopo l’armistizio, 17.488 militari e 37.288 civili caduti in attività partigiana in Italia, 9.249 militari morti in attività partigiana all’estero, 1.478 militari e 23.446 civili morti fra deportati in Germania, 41.432 militari morti fra le truppe internate in Germania, 5.927 militari caduti al fianco degli Alleati, 38.939 civili morti sotto i bombardamenti, 13.000 militari e 2.500 civili morti nelle file della Rsi.

A questi vanno aggiunti circa 320.000 militari feriti sui vari fronti per l’intero periodo bellico 1940/1945 e circa 621.000 militari fatti prigionieri dalle forze anglo-americane sui vari fronti durante il periodo 1940/1943.

Ci sarebbe tanto altro da aggiungere, ampiamente documentato: corruzione dilagante, dossier, lettere, minacce, accuse vere e false oscenità, inganni, arresti, ed anche ricatti.

Un ventennio di ricatti! Gerarca contro Gerarca, amante contro amante, e l’accusa di omosessualità come arma politica, e Mussolini su tutto e su tutti fa spiare, controlla, punisce, muove le sue pedine.

La prossima volta che vi imbattete magari sui muri della vostra città in un immagine che inneggia o rievoca il triste ventennio o la saggezza del Duce e di come potrebbe essere la salvezza dell’Italia, fate una ricerca sulla storia del fascismo prima di assentire anche solo leggermente con il capo o esprimere un mezzo sorriso di beneplacito.

FASCISMO, MITO COSTRUITO SULLA PAURA

di Gabriele Via

I miei genitori sono nati in pieno fascismo: papà nel ’27 e mamma nel ’31 del secolo scorso. L’ Italia che ho conosciuto io è un’Italia che non è stata capace di fare una riflessione profonda e matura sulla propria storia.

Ancora, a livello popolare – dove non regni la tabula rasa della “Gazzetta dello sport” – siamo preda dello stereotipo Don Camillo e Peppone. Ma non potrà esserci un consapevole antifascismo se non avviene una comprensione il più meditata e studiata possibile sulla storia.

Abbiamo avuto una generazione di quello che Pasolini chiamava il fascismo naturale (per lui e la sua generazione) che va dalla marcia su Roma al 25 luglio del ’43. Dal settembre di quell’anno c’è poi stato il periodo della Repubblica Sociale e della Resistenza. E nel dopoguerra ancora abbiamo avuto il neofascismo.

Davanti a questi episodi storici ci sono stati almeno tre diversi tipi di antifascismo. Quando Silone scriveva “Vino e pane” l’antifascismo era elitario e clandestino. Davvero di pochi, in Italia. Ma tra la seconda metà del ’43 e la fine della guerra ecco un altro fascismo (nazifascismo) e un’ altra e più diffusa primavera di coscienza antifascista è poi la pagina Repubblicana.

Io credo che si possa e si debba ancora essere sempre antifascisti. Perché il fascismo è un mito costruito sulla paura, che trasforma in psicopatiche le sue prime vittime, subito pronte a trasformarsi in carnefici. Oggi il fascismo andrebbe trattato in sede clinica e ogni stato dovrebbe curarsi di fare la prevenzione necessaria sul piano educativo perché questo problema sanitario non abbia a interessare le generazioni future. Ma queste sono provocazioni idealistiche.

Quelli che 75 anni fa erano i temi al centro delle leggi razziali, di cui oggi la scienza ride e un bambino di dodici anni potrebbe smontare sul piano razionale, sono attualmente i sentimenti oscuri nelle viscere di milioni di italiani analfabeti (l’analfabetismo è un altro tema reale e concreto su cui dovere lavorare senza schemi ideologici) che vengono strumentalizzati da un potere mediatico consumistico che oggi rappresenta il vero occulto dittatore.

Oggi non ci sono più i comunisti che mangiano i bambini: non esiste cioè più la propaganda che nel comunista individua il male assoluto. Già Berlusconi usava i comunisti come una specie di caricatura del male, non proprio il male. Oggi ci sono gli islamici, i diseredati d’Africa, i neri, i gialli, i nomadi, i diversi… Contro costoro si riversano i sentimenti di paura che con poca e dolce clinica potrebbero essere materia di cura personale di sé e miglioramento della nostra vita condominiale e familiare. Alcune mie poesie sono rabbiosamente rivolte al mondo del mass media. Sono infatti sgomento dalla totale dabbenaggine con cui persone anche di studio e riflessione si lascino stuprare l’intelletto da pubblicità e tv di intrattenimento che sono neofascismo puro all’opera.

Polish_20220219_084717446

Carlo Molari e il suo Credo

Polish_20230219_092707945

Non credo nel Dio…

di Carlo Molari

 

NON CREDO nel Dio della “pura ragione”: non merita fiducia e non è sufficiente. Si può credere in Dio attraverso la riflessione filosofica, ma non giungere alla fede in Dio, cioè a considerare Dio come riferimento delle proprie decisioni, per giungere a conoscere e ad amare in un modo nuovo. Se non scopri che c’è un Dio che ti ama e che ti consente di giungere a una forma nuova di vita, a che ti serve?

NON CREDO nel Dio che opera nella creazione e nella storia intervenendo, modificando le situazioni, completando le creature, rimettendo in funzione i meccanismi della creazione e della storia quando si inceppano. L’azione di Dio è un’azione creatrice che offre possibilità, che alimenta il processo, ma che non si sostituisce mai alle creature, proprio perché fa esistere ed operare le creature. Dio è provvidente non nel senso che risolve tutti i problemi, ma nel senso che, ovunque l’uomo si venga a trovare, il suo amore è tale che può condurlo al suo compimento. Dio non può risolvere alcun problema storico se non ci sono creature che, aprendosi alla sua azione, indicano e realizzano la soluzione. Il “dio tappabuchi” non può essere il Dio della fede.

NON CREDO nel Dio che punisce i peccati, che manda le pestilenze per far ravvedere gli uomini. Per moltissimo tempo si è pensato così.

NON CREDO nel Dio che cambia atteggiamento per la preghiera degli uomini. Come se noi pregando sollecitassimo Dio a fare qualcosa di nuovo. È una pretesa insensata, un modello antropomorfico. La preghiera ha un grande valore perché mette in moto in noi dinamiche di novità e di cambiamento, non perché modifica l’atteggiamento di Dio ma perché noi accogliamo la sua azione in modo molto più profondo e ricco.

NON CREDO in un Dio che può fare le cose perfette dall’inizio perché la creatura è tempo e può accogliere il dono solo a frammenti, nella successione. Dio è eterno, è pienezza di vita, è perfezione compiuta, ma la creatura è tempo e non può accogliere l’offerta divina tutta in un solo istante. Non ci può essere una creatura perfetta all’inizio. Nella prospettiva evolutiva si capisce bene che Dio alimenta il processo continuamente, cioè la creazione continua tuttora. Il compimento è il traguardo del cammino, la perfezione piena è solo alla fine.

NON CREDO nel Dio che vuole la riparazione del male attraverso la croce di Cristo o per mezzo di coloro che si uniscono alla sua sofferenza. Dio non vuole che gli uomini siano nel dolore, e quando qualcuno soffre Dio è dalla sua parte per sostenerlo nel suo cammino, perché possa giungere ad amare anche in quella condizione. I santi che hanno attraversato grandi sofferenze si sono santificati per l’amore a cui sono pervenuti. Lo stesso Gesù è giunto ad un amore supremo sulla croce e per questo è risorto. Amando, Gesù ci ha salvato: è redentore non perché ha sofferto, ma perché la sofferenza è stata l’ambito in cui l’amore è fiorito in forme sublimi.

NON CREDO al Dio che parla all’uomo con parole umane. Dio parla nel silenzio perché non pronuncia parole umane, bensì divine, per noi silenziose. La sua Parola però alimenta la nostra vita come forza creatrice. Il contatto con Lui ci rigenera. Ma questo contatto non diventa parola, non diventa idea, non diventa immagine, bensì diventa esperienza vitale, evento di storia. Quando diciamo che la Scrittura è “parola di Dio” dobbiamo intendere la formula in senso analogico cioè di relazione. La Parola è quella forza di vita che ha suscitato gli eventi di salvezza, narrati dagli uomini secondo i modelli con cui li hanno vissuti e interpretati, e trascritta secondo i modelli culturali del tempo. Il processo che ci consente di cogliere il senso della Parola è rivivere le esperienze di fede che hanno caratterizzato l’evento narrato, coglierne la trama divina, e percepire nel silenzio la presenza che le ha rese possibili.

NON CREDO nel Dio del “Progetto intelligente” come lo presentano i gruppi statunitensi che si battono per introdurre nelle scuole l’insegnamento alternativo all’evoluzionismo neo-darwinista. Il Dio della fede non è semplicemente il Dio delle origini ma del processo nella sua interezza. Le cause dei processi cosmici sono imperfette e il male accompagna sempre lo sviluppo della vita sulla terra. Il caos e la complessità caratterizzano molti eventi, perché Dio non interviene con azioni puntuali nelle situazioni della storia. L’azione divina in ogni circostanza offre molte possibilità per cui la casualità ha una parte importante nel divenire cosmico e negli eventi della storia. Il progetto salvifico si può realizzare anche attraverso fallimenti, vicoli ciechi, eventi casuali e imprevedibili che costellano il cammino evolutivo.

Polish_20230219_140907899

Questa sopra, a cui ho affiancato un ancora energico Carlo Molari appassionato delle lunghe camminate fin quando le forze gliel’hanno consentito, è la copertina del volume curato da Paolo Scquizzato, prete  conosciuto e frequentato sulla Rete da chi non si accontenta di una lettura del Messaggio come solitamente viene passato dal ‘convento’ delle prediche domenicali. Una iniziativa pensata nel pieno della pandemia da covid che ha stravolto la vita di tutti e durante la quale si chiedeva in vario modo l’intervento divino, rimanendo poi delusi per l’ indifferenza di Chi è rimasto a farsi i suoi divini affari. Queste suppliche, con naturalmente previa conversione, avveniva sia attraverso certe radio “mariane”, sia in non poche parrocchie dove il prete saliva sul campanile per invocare l’ aiuto divino sul popolo disperato e sia anche facendo sorvolare con elicottero (militare) la statua del santo perché si decidesse a fare il tanto atteso miracolo di scacciare la peste iniziata all’ inizio del 2020 o chissà quando.

Tra le 17 persone invitate a scrivere sul significato della preghiera, e di conseguenza sul senso che si ha della presenza di Dio nel mondo, figura anche Molari. Quello che segue è un suo approfondimento sul tema, pubblicato nel febbraio 2021 sul periodico “Rocca”. Per completare e per avere ulteriori elementi per conoscere meglio il pensiero di Carlo Molari, un’intervista a lui fatta da Paolo Rodari, giornalista di professione e molto attento ai temi riguardanti la Fede. (Piero)

Pregare? In che senso?

di Carlo Molari

In questi tempi si discute da più parti sul senso della preghiera per vivere la stagione difficile che stiamo attraversando. Ogni uomo che voglia vivere intensamente deve avere momenti di raccoglimento, di interiorità, di concentrazione, di sguardo profondo.

Questi Momenti sono quelli che in ambiti religiosi viene chiamata preghiera. La ragione delle molte ambiguità che la caratterizzano penso stia nella nozione di preghiera che molti si trascinano nell’età adulta.La preghiera di domanda come viene abitualmente formulata suppone tre convinzioni da parte del credente.

La prima è che la preghiera di domanda serva per far conoscere a Dio i nostri bisogni.

La Seconda è che Dio non sia già in azione come creatore e debba essere sollecitato a farlo.

La terza è che Dio nel cosmo possa operare indipendentemente dal diventare delle creature.

Queste tre convinzioni non sono esatte.

La preghiera è il modo concreto per mantenere i canali aperti con la Vita, con il Bene, con la Verità, per non rifiutare nulla del dono che ogni giorno Dio continua ad offrirci. Qualsiasi interpretazione si dia della vita e della sua fonte, ogni persona deve quotidianamente aprirsi ai suoi doni e sviluppare un rapporto profondo con le sue sorgenti. Chiunque si illuda di essere autosufficiente e non si eserciti all’accoglienza dei doni vitali che gli vengono continuamente offerti, prima o poi si isterilisce. Così chi non si esercita a rinnovare continuamente la propria offerta perde progressivamente l’atteggiamento di accoglienza.

La preghiera è l’esercizio quotidiano per non rifiutare nulla di ciò che la vita è disposta ad offrirci. Nello stesso tempo è l’allenamento a donare la propria presenza a tutti coloro che ne hanno bisogno. Ogni giorno possiamo fare una esperienza, anche se breve, di interiorità profonda per attingere energie nuove per la nostra vita.

Dio “non fa” le cose della creazione né modifica le situazioni storiche, ma offre alle creature di
operare. Non fa le cose al posto nostro ma ci offre di farle. Pregando siamo noi che cambiamo e diventiamo capaci di accogliere l’energia che ci avvolge e che ci attraversa. Diventiamo così capaci di aiutare le persone, di camminare insieme a loro e anche di guarirle. È un cambiamento profondo dell’interiorità della persona. Pregare è sviluppare la dimensione interiore.

A volte nelle preghiere e nel linguaggio comune utilizziamo formule che esprimono in modo non
corretto l’azione di Dio in noi. Quando chiediamo qualcosa a Dio dobbiamo sempre intendere “di farci diventare capaci di realizzare noi ciò che chiediamo”. La nostra richiesta deve essere sempre accompagnata da una disposizione di animo di apertura, per diventare noi capaci di realizzare ciò che invochiamo.

La preghiera, quindi, è ordinata a cambiare la persona che prega, perché essa stessa sia in grado di capire ciò che la vita esige e di realizzarlo. Pregare è mettersi in sintonia con l’energia creatrice che alimenta lo sviluppo della creatura e la rende capace di accogliere, esprimere e comunicare forza vitale in modo più profondo. La preghiera per l’esercizio della fede che mette in atto, amplia la capacità di accoglienza della forza vitale della persona, che diventa così capace di agire in modo nuovo.

La preghiera, in conclusione, non cambia Dio, ma l’uomo. Per questo bastano poche parole, ma molta concentrazione. Diceva Gesù “non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate”. (Mt. 6,8).

La continuità della preghiera è necessaria sia per la durezza del cuore da cambiare sia per la ricchezza dei doni vitali da interiorizzare. Più infatti la persona cresce interiormente, più la vita si espande e aumenta l’esigenza di aprirsi al flusso dello Spirito per accogliere e far fiorire i suoi doni. Per questo Gesù insegnava a pregare sempre (Lc 18,1) non tanto dicendo formule quanto incontrando Dio.

Nel cosmo e nella storia Dio non fa nulla in più di ciò che operano le creature. La forza creatrice non agisce aggiungendo qualche nuova realtà di quelle realizzate dalle diverse persone, ma le alimenta in modo che esse diventino capaci di operare ciò che esse credono sia necessario. La persona umana sviluppa pienamente la propria dimensione
interiore quando vive secondo questa consapevolezza. La preghiera è il modo per realizzare la piena sintonia con l’attiva presenza di Dio in modo da far fiorire compiutamente tutte le sue diverse dimensioni, anche a volte in modo straordinario.

Anche il miracolo, in questo senso, deve essere interpretato come l’accoglienza dell’energia divina da parte della creatura. Il miracolo accade quando una persona o un’intera comunità, pregando, si apre allo Spirito e accoglie la sua azione in modo più ricco e profondo. In ogni caso è sempre la creatura ad operare il miracolo.

Anche Gesù, quando guariva, a volte diceva come alla emorroissa: “Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace!”. (Mc 5, 34). Siccome opera nel cosmo e nella storia sempre e solo attraverso creature, Dio assume i loro limiti, sia spaziali che temporali. Egli esprime attraverso di loro solo ciò che esse sono in grado di portare. Il dono di Dio perciò si sviluppa nel tempo e non può essere accolto totalmente in un istante. Dio perciò è onnipotente in sé e nel compimento finale, quando tutto sarà in tutti (1Cor: 15,38), ma nella storia umana e nel cosmo può esprimere la sua perfezione solo a piccoli frammenti nel corso degli eventi storici.

Per tutti questi motivi la preghiera richiede almeno tre condizioni da parte della persona per essere significativa ed evitare i rischi della presunzione: la fede in Dio, la consapevolezza di essere creatura e la disponibilità a interiorizzare l’azione divina in modo da rivelarla nella propria vita.

Credere in Dio creatore significa ritenere che il Bene urge per diventare in noi amore, che la Verità cerca di esprimersi in idee umane, che la Giustizia sollecita progetti di condivisione, che la Bellezza vuole assumere inedite forme create e aprire il cuore con fiducia per accogliere la vita. Pregare è appunto registrare le proprie capacità percettive perché la forza creatrice giunta a livello umano possa dispiegarsi in tutta la sua portata.

La vita non diventa mai possesso definitivo della creatura, ma viene sempre offerta e richiede per questo accoglienza continua. Tutto è dono e resta sempre tale. L’uomo non diventa mai il Vivente. La condizione per realizzare una interiorizzazione piena è la consapevolezza che la creatura è un nulla attraversato continuamente da una forza creatrice , un vuoto che risuona sempre di una Parola originaria.

Quando la persona opera con tale convinzione, si lascia investire dalla forza creatrice e consente alla Parola di attraversarla, rendendola viva. Anche le sue contraddizioni pian piano si dileguano. La preghiera esercita allora la sua completa funzione. Per questo nel Vangelo il comandamento dell’amore di Dio, che è aprirsi alla sua presenza, è collegato all’amore per gli altri, che è rivelare la sua gloria. Non sono due comandamenti diversi, ma due aspetti della stessa legge di vita, momenti dello stesso processo vitale. Accogliere il dono di Dio per questo è possibile solo quando si è disposti ad soffrirlo.

Chi accoglie l’amore di Dio non può trattenerlo per sé e non rivelarlo. Ogni egoismo in questa luce appare come un male sociale: esso impedisce la rivelazione di Dio, provoca il deterioramento del clima vitale, distrugge le energie necessarie alla crescita di tutti. Gli emarginati, gli oppressi, i poveri sono l’espressione dei peccati di una comunità. Finché i poveri non vengono sollevati dalla loro condizione di emarginazione di oppressione, la comunità che li ha provocati non potrà accogliere salvezza piena. La preghiera, in questa prospettiva, allena il credente a diventare espressione fedele dell’amore di Dio, rivelazione efficace del suo amore.

L’invocazione che non diventa frazione del pane e offerta di misericordia, non è preghiera cristiana perché non è epifania di Dio. Il paradigma principale della preghiera cristiana è il memoriale della fedeltà con cui Gesù ha accolto la Parola nel silenzio della sua preghiera e l’ha fatta fiorire in gesti di misericordia: “avendo amato i suoi che erano nel mondo li amò fino alla fine” (Gv 13, 1)

Carlo Molari teologo intervista libro

Intervista

  di Paolo Rodari

 

Carlo Molari,quindi su Darwin aveva ragione lei?

«Negare l’evoluzione vuole dire non rendersi conti del cammino reale che i viventi stanno facendo sulla terra».

Dio è la fonte dell’evoluzione?

«L’evoluzione è possibile proprio perché Dio ne è la fonte, il principio. Ma se Dio è al principio significa che la sua perfezione non è ancora interamente espressa. Solo l’evoluzione può spiegare la complessità della realtà e il mistero di Dio».

La storia è allora necessaria per l’uomo ma anche per la teologia cioè per la riflessione dell’uomo su Dio?

«L’evoluzione richiede la storia. Gli antichi pensavano che in origine vi fosse un Adamo perfetto, ma non può essere. L’uomo deve diventare e diventa nella storia e così la percezione che noi abbiamo di Dio».

Carlo Molari, quindi il peccato originale è fantasia?

«Non esattamente. La dottrina tradizionale contiene una verità di fondo e cioè l’incidenza negativa di una generazione su quella successiva. La vita viene comunicata spesso con limiti e carenze. L’insufficienza della dottrina tradizionale consisteva nell’immaginare un inizio già perfetto e compiuto che sarebbe stato perduto, mentre era un traguardo da raggiungere. Tutto nella storia è in evoluzione. E, mi spiace, ma anche il pensiero della Chiesa è così. Nella Chiesa ancora oggi c’è chi pensa che l’ortodossia vada salvaguardata e che ogni sua evoluzione sia male. Ma il male è proprio avere questa visione delle cose».

Torniamo al 1978. Lei, Carlo Molari, venne giudicato eretico?

«Non proprio eretico, piuttosto non in sintonia con l’insegnamento tradizionale e sicuro».

Come reagì?

«Provai a difendermi. Chiesi a chi mi accusava di tentare nuove strade e di favorire cammini avventurosi nei paesi di missione: allora per evitare questo rischio dobbiamo sempre restare indietro di vent’anni? Mi risposero chiedendomi di lasciare l’insegnamento. Avevo riscattato gli anni delle due lauree e così, pur cinquantenne, decisi di farmi da parte e chiesi, come avevo diritto, la pensione».

Cosa non accettavano del suo pensiero?

«Insistevo sul fatto che i cambiamenti culturali richiedono un continuo adeguamento anche delle forme dottrinali. E che, sulla scia di Teilhard de Chardin, anche il pensiero che abbiamo di Dio non può che evolversi».

Chi è Dio per Carlo Molari?

«Di lui non sappiamo nulla di assoluto. Possiamo soltanto abbozzare qualcosa, ma sempre adeguando ciò che diciamo alla esperienza che compiamo, al fatto che evolviamo».

Non possiamo dire nulla di definitivo di Dio?

«Se sapessimo qualcosa di definitivo di Dio saremmo alla sua altezza, ma non lo siamo».

Per il cristianesimo però Dio si è incarnato in Gesù.

«Gesù è il nome della realtà umana che “cresceva in sapienza età e grazia davanti a Dio e agli uomini” (Lc 2,52). Gesù è uomo come tutti noi. Il Verbo è il nome che noi diamo alla dimensione divina che si è manifestata come Parola. Spirito è il nome che noi diamo alla dimensione divina che irrompe dal futuro e ci fa diventare figli nel Figlio. Le formule trinitarie traducono i nostri rapporti con Dio nel tempo».

Ma Gesù non ha svelato Dio?

«Lo ha svelato in modo umano, in modo progressivo e sempre inadeguato. Egli ci ha parlato di Dio secondo il livello umano attraverso cui poteva esprimersi, secondo la cultura del suo tempo».

A cosa serve allora Gesù?

«Egli ha tracciato una strada, noi la continuiamo. Diveniamo figli di Dio nel Figlio che egli è, ma Dio in quanto tale rimane inconoscibile».

Chi credeva di essere Gesù?

«Pensava di essere un inviato di Dio, l’unto, il Cristo. Il salvatore. E questo è stato».

Teilhard De Chardin esaltava l’aspetto cosmico di Cristo, Gesù salvatore di tutti gli esseri viventi esistenti nel cosmo. Condivide?

«Questo aspetto è discutibile. Credo che Cristo sia salvezza dell’umanità, ma oggi non possiamo dire che l’umanità sia il centro del cosmo e quindi che Cristo abbia una funzione cosmica perché l’umanità è un piccolo frammento dell’universo. Non è escluso che vi siano altre forme di vita intelligenti e non credo che per loro Cristo sia la salvezza. Non siamo autorizzati ad affermarlo».

Delle altre religioni cosa pensa?

«Con ognuna dobbiamo dialogare per accogliere il loro dono e dare loro il nostro dono».

Come si immagina l’aldilà?

«Dell’aldilà non possiamo dire niente. Non abbiamo elementi. I primi discepoli si aspettavano la fine del mondo da un momento all’altro, ma questa non è arrivata. Non possiamo sapere».

Ci potrebbe essere il nulla?

«Al tempo di Gesù molti ebrei pensavano così e credevano che soltanto alla fine dei tempi ci sarebbe stata la risurrezione. Il modello greco, invece, sosteneva la presenza dell’anima immortale. Questo modello, che appare nel libro della Sapienza, è prevalso anche nel cristianesimo».

Teme la morte?

«Non direi, temo di più la sofferenza della malattia che potrebbe portare alla morte. L’ideale sarebbe morire in un istante. In ogni caso cerco di essere preparato. Alla mia età spesso penso: e se morissi ora?».

Cosa avverrebbe?

«Non so rispondere. Ciò che accadrà nessuno lo può sapere con sicurezza».

Ma ci sarà qualcosa?

«Io ho fiducia. È anche possibile che per alcuni vi sia una continuità mentre per altri no. In questo senso saremmo responsabili del nostro futuro. Saremo quindi ciò che abbiamo creduto di poter diventare».

Ho letto che per lei è nel silenzio che si può scoprire ciò che si vuole essere.

«Il silenzio è creare un ambiente di ascolto delle realtà che non possiamo ancora vivere. È creare la possibilità di ascolto delle parole che non possiamo pronunciare ma che riguardano il nostro futuro».

Cosa significa allora avere fede in Dio?

«La modalità concreta di avere fede in Dio è avere fede in sé stessi, perché Dio è dentro di noi e ci fa essere. Se crediamo in noi come figli di Dio crediamo in lui come principio e fondamento del nostro divenire».

Perché però il male?

«Non può non esserci perché è la condizione per crescere, per evolvere. La creazione è possibile precisamente perché è divenire, il divenire implica l’imperfezione, passare dall’imperfezione al compimento. Se Dio crea non può evitare il male perché deve iniziare dal nulla, dall’imperfezione. Anche noi quando operiamo dobbiamo correre il rischio dell’imperfezione, la fatica di superare il male».

Nel silenzio possiamo desiderare cosa essere?

«Sì, ma dobbiamo essere disponibili ad accogliere che si realizzi ciò che non potevamo sospettare, che la forza creatrice di Dio ci porti dove non possiamo immaginare».

Migranti: accordo Italia – Albania

Polish_20240218_093352679

S O L D I   B U T T A T I

di Giancarlo Perego *

L’ apertura di due Cpr in Albania investendo 673 milioni di euro in dieci anni andranno in fumo per l’incapacità di costruire un sistema di accoglienza diffusa del nostro Paese, al 16° posto in Europa nell’accoglienza dei richiedenti asilo rispetto al numero degli abitanti.

Quelle risorse potevano rigenerare non solo la vita di molte persone, ma la vita anche delle nostre comunità. Seicentosettantatré milioni di euro che avrebbero significato posti di lavoro e un indotto economico.

Il fenomeno delle migrazioni forzate continua a crescere di anno in anno, anche a causa di politiche economiche che certamente non favoriscono – fatta eccezione per alcune briciole – lo sviluppo dei Paesi al di là del Mediterraneo. Le risorse per delocalizzare il problema migranti si uniscono ad altre: quella per gli armamenti, cresciuta del 3,7%, rispetto all’anno precedente, e che ha raggiunto, nel mondo la cifra record di 2240 miliardi di dollari (il livello più alto mai registrato – SIPRI); e quella per finanziare conflitti nel mondo. Sono 56 gli Stati che nel solo 2022 si trovavano in situazioni di conflitto armato, 5 in più dell’anno precedente (SIPRI), piuttosto che a costruire pace.

* Giancarlo Perego è arcivescovo di Ferrara e presidente della Fondazione Migrantes

Basta massacri !

Comunicato di Rete Italiana Pace e Disarmo

Polish_20240217_083406795

Ormai le guerre si susseguono con ritmo e intensità crescente. Iniziano ma non finiscono, alimentando solo la fiorente industria e il commercio immorale di armamenti. Stati e Governi sembrano aver perso la capacità di prevenire e gestire i conflitti mediante gli strumenti della diplomazia e della politica, con i quali far applicare e rispettare le convenzioni e il diritto internazionale. La conseguenza è che la guerra e la barbarie sono nuovamente tornate ad essere le uniche opzioni in campo. Basta, questa logica distruttiva va fermata.

La guerra è tornata ad essere uno strumento di regolazione dei conflitti, mettendo a rischio la sopravvivenza dell’umanità e del pianeta. Ha preso corpo l’idea che l’ordine mondiale debba essere basato sullo scontro tra blocchi e non sulla collaborazione e la giustizia tra i popoli. Le Nazioni Unite, come espressione di tutti i popoli del pianeta, sono umiliate e il diritto internazionale sostituito dalla forza della potenza militare, preludio della guerra globale: nella barbara “logica del più forte”, nessuno è disposto a perdere, ma nessuno ne uscirà davvero vincitore.

Si compiono i due anni di guerra in Ucraina, con centinaia di migliaia di morti, milioni i profughi in fuga e un terzo del paese distrutto. In Siria, dopo tredici anni di guerra, i risultati sono centinaia di migliaia di morti e la distruzione di una secolare convivenza inter-religiosa e inter-comunitaria. In Africa, guerre e neo-colonialismo non hanno mai cessato di coesistere e di schiacciare le speranze di democrazia e di libertà. L’ultimo e più drammatico esempio di questa spirale distruttiva è ancora una volta in Medio Oriente, con l’atroce attacco di Hamas del 7 ottobre 2023, che ha provocato 1.200 vittime e più di 200 persone prese in ostaggio, con stupri di guerra sulle donne israeliane; ne è conseguito l’assedio della Striscia di Gaza da parte del Governo israeliano con bombardamenti a tappeto, uccidendo più di 28.000 palestinesi, inclusi bambini, donne e anziani, la distruzione di ospedali, scuole, presidi delle Nazioni Unite, il taglio dei rifornimenti di carburante, cibo, acqua, assistenza sanitaria. Una escalation di crimini di guerra, che condanniamo e che debbono essere fermati immediatamente per affrontare politicamente e culturalmente le cause che li hanno determinati, applicando il diritto internazionale, il diritto di autodeterminazione di entrambi i popoli, come riconosciuto dalle risoluzioni delle Nazioni Unite. E l’elenco dei conflitti, delle guerre, delle violenze purtroppo non finisce qui.

L’unica via per fermare la follia criminale delle guerre ed eliminare il rischio di un conflitto nucleare, è unire le forze, assumere le nostre responsabilità civiche e democratiche, schierarsi per la pace, per il diritto internazionale, per la riconversione civile e sostenibile dell’economia, promuovendo la cooperazione e la sovranità dei popoli, eliminando vecchie e nuove forme di colonialismo insieme alla politica dei “due pesi e due misure”, alla sicurezza impostata sulla deterrenza nucleare e sui blocchi militari contrapposti; abbiamo il compito di costruire insieme una società globale pacifica, nonviolenta, responsabile, per consegnare alle future generazioni un mondo migliore di quello che abbiamo ricevuto. Non ci sarà giustizia sociale e climatica, lavoro dignitoso e piena democrazia in un mondo sempre più in guerra, che usa le risorse per la morte e non per la vita, nel quale la giustizia, il diritto internazionale e umanitario vengono calpestati nell’impunità dei colpevoli. La guerra non è mai una soluzione e l’orrore non deve diventare un’abitudine. Mobilitarsi oggi per la pace, per il disarmo, per la nonviolenza, significa affrontare le sfide globali che abbiamo di fronte pena la distruzione dei diritti, della convivenza, delle democrazie e del pianeta.

Per tutto questo, chiediamo nuovamente a movimenti, reti, associazioni, sindacati, parrocchie, comitati locali, di mobilitarsi insieme nelle piazze italiane, per ribadire il NO a tutte le guerre e il NO al riarmo, per costruire un mondo di pace, di sicurezza e di benessere per tutte e per tutti, per chiedere alle istituzioni italiane ed europee di scegliere la via della pace, impegnandosi per:

– la RIDUZIONE IMMEDIATA DELLE SPESE MILITARI a favore della spesa sociale, sanitaria, per la tutela ambientale del territorio e per una difesa civile e nonviolenta

– la RICONVERSIONE DELL’ INDUSTRIA BELLICA, che sta traendo immensi profitti dalle guerre e dai conflitti armati

– l’ IMMEDIATO CESSATE IL FUOCO in Ucraina e nella Striscia di Gaza

– la LIBERAZIONE DEGLI OSTAGGI israeliani e dei prigionieri palestinesi, la fine dell’assedio e dell’isolamento di Gaza, il libero accesso agli aiuti umanitari e l’assistenza alla popolazione palestinese

– il RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI PALESTINA, la fine dell’occupazione e della violenza in Cisgiordania

– la SOLUZIONE POLITICA e non militare della guerra in Ucraina, per porre fine all’illegale occupazione russa e per costruire le condizioni di libertà, democrazia, convivenza e di sicurezza comune per l’Europa intera

– il RICONOSCIMENTO DEL DIRITTO D’ ASILO e la protezione a dissidenti, obiettori di coscienza, renitenti, disertori, profughi, difensori dei diritti umani, giornalisti, attivisti sociali e sindacalisti vittime della repressione politica in ogni contesto e nazione

– il RAFFORZAMENTO DELL’ AZIONE UMANITARIA e di protezione dei diritti umani nei contesti di violenza strutturale (Afghanistan, Myanmar, Nagorno Karabakh, Iran…)

– lo STANZIAMENTO DELLO 0,7 DEL PIL a favore della cooperazione allo sviluppo

– la PROMOZIONE DI CONFERENZE REGIONALI DI PACE sotto l’egida delle Nazioni Unite, per ricostruire convivenza e sicurezza nelle regioni martoriate da guerre in Medio Oriente e in Africa, che coinvolgono milioni di persone che vengono uccise, espulse dalle proprie case, impoverite, costrette alle migrazioni forzate.

Buon compleanno, principe de Curtis

Polish_20240215_052131884

Antonio Vincenzo Stefano Clemente, figlio di Anna Clemente e Giuseppe de Curtis, adottato dal marchese Francesco Maria Gagliardi Focas di Tertiverie, assumendo, oltre il titolo di marchese, anche i nomi di

Antonio
Griffo
Focas
Flavio
Angelo
Ducas
Comneno
Porfirogenito
Gagliardi

de Curtis di Bisanzio

e per brevità e comodità,

        T    o    t     ó

 

Antonio nasce a Napoli il 15 febbraio 1898, in via Santa Maria Antesaecula,rione Sanità. Solo a partire dal 1946 il tribunale di Napoli gli riconosce il diritto a fregiarsi dei nomi e dei titoli di:

1.altezza imperiale
2.conte palatino
3.cavaliere del sacro Romano Impero
4.esarca di Ravenna
5.duca di Macedonia e di Illiria
6.principe di Costantinopoli 7.principe di Cicilia
8.principe di Tessaglia
9.principe di Ponte di Moldavia
10. principe di Dardania
11.principe del Peloponneso
12.conte di Cipro e di Epiro, 13.conte e duca di Drivasto e Durazzo

e principalmente, ma questo glielo aggiungo io,

ACUTISSIMO E INTELLIGENTE SBERLEFFONE DEGLI IMBECILLI

Muore a Roma il 15 aprile 1967, ma

la sua presenza è sempre viva in tutte le persone che gli sono grati e continuano a volergli bene, che sono tanti. Piero è tra questi tantissimi assai.

 

A LIVELLA

Ogn’anno,il due novembre,

c’é l’usanza per i defunti andare al Cimitero.

Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto,statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe’ segno,sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura…nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto,che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato…dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:”Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente”

“Signor Marchese,nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo,obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé..-piglia sta violenza…
‘A verità,Marché,mme so’ scucciato
‘e te senti;e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere…nu ddio?
Ccà dinto,’o vvuo capi,ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

“Lurido porco!…Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale…Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti…nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie…appartenimmo à morte!”

 

A  S P E R A N Z A

 

Ogne semmana faccio na schedina:                           mm a levo ‘a vocca chella ciento lire,                            e corro quanno è ‘o sabbato a mmatina                       o totocalcio pe mm’ ‘a ji a ghiucà.

Cuccato quanno è a notte, dinto ‘o lietto,
faccio castielle ‘e n’aria a centenare;
piglio ‘a schedina ‘a dinto ‘a culunnetta,
‘a voto, ‘a giro, e mm’ ‘a torn’ ‘a stipà

Io campo bbuono tutta na semmana,
sultanto ‘o lluneri stongo abbacchiato,
ma ‘o sabbato cu ‘a ciento lire mmano
io torno n’ata vota a gghi a ghiucà .

Nun piglio niente, ‘o ssaccio…
e che mme ‘mporta?
io campo solamente
cu ‘a speranza.

Cu chi mm’aggia piglià
si chesta è ‘a sciorta,
chisto è ‘o destino mio…
che nce aggia fà ?

‘A quanno aggio truvato stu sistema
io songo milionario tutto ll’anno.
‘A ggente mme pò ddi: – Ma tu si scemo?
Ma allora tu nun ghiuoche pe piglià ? –

Si avesse già pigliato ‘e meliune
a st’ora ‘e mo starrie già disperato.
Invece io sto cu ‘a capa dinto ‘a luna,
tengo sempe ‘a speranza d’ ‘e ppiglià .

unnamed

 

 

‘ AVI

‘A VITA

 

‘A vita è bella, si, è stato un dono,

un dono che ti ha fatto la natura.

Ma quanno po’ sta vita è na sciagura,

vuie mm’ ‘o chiammate dono chisto ccà?

E nun parlo pe me ca, stuorto o muorto,

riesco a mm’abbuscà na mille lire.

Tengo ‘a salute, e, non faccio per dire,

songo uno ‘e chille ca se fire ‘e fà.

Ma quante n’aggio visto ‘e disgraziate:

cecate, ciunche, scieme, sordomute.

Gente ca nun ha visto e maie avuto

nu poco ‘e bbene ‘a chesta umanità.

Guerre, miseria, famma, malatie,

cristiane addeventate pelle e ossa,

e tanta gioventù c’ ‘o culo ‘a fossa.

Chisto nun è nu dono, è ‘nfamità.

‘A vita è bella, si, è stato un dono,

un dono che ti ha fatto la natura.

Ma quanno po’ sta vita è na sciagura,

vuie mm’ ‘o chiammate dono chisto ccà?

E nun parlo pe me ca, stuorto o muorto,

riesco a mm’abbuscà na mille lire.

Tengo ‘a salute, e, non faccio per dire,

songo uno ‘e chille ca se fire ‘e fà.

Ma quante n’aggio visto ‘e disgraziate:

cecate, ciunche, scieme, sordomute.

Gente ca nun ha visto e maie avuto

nu poco ‘e bbene ‘a chesta umanità.

Guerre, miseria, famma, malatie,

cristiane addeventate pelle e ossa,

e tanta gioventù c’ ‘o culo ‘a fossa.

Chisto nun è nu dono, è ‘nfamità.

 

 

 

 

Polish_20240215_053333829

Sul “padrepiismo” e su certa religiosità

A ciascuno la sua sensibilità

di Piero Murineddu

Anche ieri, durante una delle mie passeggiate sempre più  rare, mi è capitato di trovarmi davanti l’espressione non proprio giuliva del frate delle stigmate e delle miriadi richieste di “miracoli” andate, si dice, a buon fine. Letto il pensiero in proposito che Vigilante scriveva diverso  tempo fa che riporto sotto, mi son ricordato del riferimento che sul finale del lungo articolo vi era ad Arturo Paoli, e i pochi che frequentano questo mio spazio, sanno della stima e dell’affetto che mi hanno legato e tutt’ora continuano a legarmi al caro Arturo, “giovanissimo” vegliardo che ha speso la sua vita per confermare a se stesso e mostrare agli altri, che il Messaggio Evangelico non è pia (!) consolazione davanti alle brutture del mondo, ma è impegno concreto per cambiarlo.

Credo nel 2016 avevo già considerato l’ argomento che ripropongo oggi.

Per la mia sensibilità non sono stato mai attratto né da padre Pio, né dalle apparizioni mariane periodiche, una tantum o di lunga durata ch’ esse siano, qua e là nel pianeta Terra o anche altrove , né da veggenti vari di ogni nazionalità, molto supposti portavoce della Volontà Superiore….

Ripeto: questo è il mio sentire. Il mio caratteraccio, e non solo esso, mi porta anche a stare lontano dalle grandi folle che ascoltano estasiate qualche oratore illuminato. Preferisco la riflessione personale e il dialogo interpersonale o in un piccolo gruppo. Comunque, a differenza di come facevo negli anni giovanili e anche fino a qualche anno fa, non mi sento però di giudicare chi da questi aspetti della vita religiosa sono attratti e, da quel che dicono, traggono giovamento. Quando mi capita di parlare con qualcuno di loro, chiedo semplicemente

se questa loro sensibilità di fede ha incidenza nella vita concreta,

se si sentono motivati di più ad essere accoglienti verso gli altri,

ad avere il coraggio della denuncia,

a far prevalere sempre la giustizia,

a smascherare i sepolcri imbiancati,

a non scendere a compromessi con la loro coscienza,

a far partecipi altri delle loro possibilità economiche……..

L’idea di esporre a Roma il corpo alla venerazione pubblica non mi aveva entusiasmato granché, ma nello stesso tempo non ho provato delusione nei confronti di Papa Francesco (a proposito, perchè Vigilante parlava di un Francesco II?). Continuo a credere che questo Papa stia da sempre cercando di dare una Svolta, e questo nonostante i tanti che all’interno della stessa Chiesa lo hanno avversato sin dall’ inizio del suo pontificato, certi apertamente, la maggior parte, compresi non pochi porporati, facendo finta di applaudire se inquadrati dalle telecamere o meno.

Non dubito che i fatti su padre Pio riportati da Antonio Vigilante siano veritieri, ma sicuramente ne fa una lettura personale, come del tutto personale e soggettivo è il suo giudizio sul vastissimo popolo dei credenti, dove convivono diverse (e a volte diversissime) realtà e modi di porsi davanti alla propria e all’ altrui vita.

Lo ripeto, lo ribadisco e continuerò a farlo vita natural durante o gumenti capiita si dizi:

a ciascuno e a ciascuna la sua sensibilità, ma basta con una vita “spirituale” concentrata sulla mortificazione e sul battersi spesso ipocritamente il petto, a proposito della Quaresima che inizia oggi. Magari, si, sulla Rinuncia, ma ad ogni pensiero e soprattutto azione che vada contro il prossimo, ad iniziare da chi non se la passa per niente bene. Pax, Bonum o quel che volete per poter finalmente gioire della vita che sentiamo sempre più passeggera.

Polish_20240214_064235793

Il mondo che ruota intorno al padrepiismo

di Antonio Vigilante (*)

 

Una teca di vetro. Nella teca il cadavere di un monaco cappuccino, con il volto di cera. Sulla teca molti fiori. Davanti alla teca una donna scatta una foto con il cellulare: un selfie, per la precisione.
Il monaco è, naturalmente, padre Pio, anzi San Pio. Il contesto è quello del Giubileo Straordinario della Misericordia, proclamato da papa Francesco II con la bolla Misericordiae Vultus, “come tempo favorevole per la Chiesa, perché renda più forte ed efficace la testimonianza dei credenti”.

La religione comprende una molteplicità di cose, spesso contraddittorie, che è possibile ordinare in uno spettro che va dal bisogno al desiderio. Il bisogno è mancanza, il desiderio è slancio. Bisogno è mangiare, bere, vestire, avere un tetto. Bisogno è avere un lavoro, riconoscimento sociale, sicurezza. Il desiderio è altro. Per dirla con il Lévinas di Totalità e Infinito: “Al di fuori della fame che può essere soddisfatta, della sete che può essere estinta e dei sensi che possono essere appagati, la metafisica desidera l’Altro al di là delle soddisfazioni, senza che il corpo possa inventarsi un gesto per diminuire la aspirazione, senza che sia possibile abbozzare una qualche carezza conosciuta o inventarne una nuova”. Questo altro del desiderio può assumere forme diverse. Nella mistica, che considero il momento più alto e puro del fenomeno religioso (e che – ma il discorso sarebbe lungo – non implica alcuna fede in Dio), l’altro è l’altro dell’io: la religione è il movimento che spinge l’io oltre sé stesso, in uno slancio che è al tempo stesso terribile e gioioso. Ma l’altro può essere anche l’io dell’altro, e la religione essere amore puro, appassionato, esigente dell’altro, apertura intensa al tu, etica rigorosa. E da questa apertura, che rifiuta la riduzione dell’altro a cosa, nasce l’esigenza di un mondo altro, di una realtà liberata dalla sofferenza, dallo sfruttamento, dall’ingiustizia. Un’etica che si fa al tempo stesso politica ed escatologia.

Il cattolicesimo di Padre Pio è il cattolicesimo del bisogno. Il cattolicesimo dell’uomo e della donna che, di fronte alle difficoltà della vita, avvertono la necessità – facile, semplice – di una figura divina di riferimento, che offra una protezione pronta e sicura. Larga parte del mondo cattolico trae alimento da questo bisogno di rassicurazione. Esiste, nel cattolicesimo, una vera e propria industria della rassicurazione, fatta di polverine di Santa Rita, acque di Lourdes, coroncine benedette, eccetera. Si tratta di un fenomeno che naturalmente confina con la superstizione e con la magia, e che il padrepiismo (o sanpiismo) rappresenta alla perfezione. Il mondo nel quale nasce e si afferma la figura di Padre Pio è un mondo rurale estremamente arretrato, quel mondo contadino pugliese nel quale la figura del santone era ordinaria non meno di quella del parroco, ma al tempo stesso è una figura che sa inserirsi nel mondo e nelle sue logiche anche politiche ed economiche con straordinaria scaltrezza.

Chi era, davvero, padre Pio?

Scelgo solo tre episodi da Padre Pio. Miracoli e politica nell’Italia del Novecento di Sergio Luzzatto (Einaudi).

Uno. 1911-1913. Dopo essere stato ordinato sacerdote, il giovane fra’ Pio passa quasi tutto il tempo nella sua casa di Pietrelcina, perché malanni non meglio precisati gli rendono impossibile la vita in convento. E da casa sua scrive lettere ai suoi direttori spirituali, fra’ Benedetto e padre Agostino, entrambi di San Marco in Lamis. Lettere nelle quali descrive con trasporto il suo travaglio spirituale, le sue estasi, il suo rapporto personale con Cristo. Ma le lettere sono copiate, per la precisione riprese parola per parola dell’epistolario di Gemma Galgani, una donna di Lucca che aveva ricevuto le stimmate nel 1899, e il cui libro era tra le letture del giovane frate.

Due. 15 agosto 1920. San Giovanni Rotondo. Un’automobile esce dal convento dei cappuccini per giungere nella piazza principale del paese. A bordo padre Pio, acclamato dalla folla. Giunto in piazza, il frate benedice la bandiera dei reduci, che nella zona hanno organizzato le prime squadre fasciste. Due mesi dopo, in quella stessa piazza, undici contadini socialisti saranno massacrati dai soldati. All’indomani dell’eccidio, il frate accoglierà con grande cordialità nel suo convento Giuseppe Caradonna, figura di primo piano del nascente fascismo in Capitanata.

Tre. 1921. Il Santo Uffizio manda a San Giovanni Rotondo monsignor Raffaele Carlo Rossi, per interrogare il frate. Tra le altre cose, monsignor Rossi gli chiede conto di una certa sostanza da lui ordinata in gran segreto in una farmacia locale, che poteva servire a procurare le stimmate. Il frate si difende sostenendo che intendeva usarla per fare uno scherzo ai confratelli, mischiandola al tabacco in modo da farli starnutire. Il profilo che emerge è quello di un fascista un po’ imbroglione, privo di qualsiasi spessore umano e culturale, che, a voler essere buoni e prendere per vera la sua deposizione, acquista sostanze pericolose per fare uno scherzo da prete ai suoi confratelli mentre si fa fotografare in pose mistiche con le stimmate in bella evidenza.

Qualche anno fa sulla facciata della chiesa di San Pietro al Cep, a Foggia, comparve una macchia di umidità. Le macchie di umidità, come le nuvole e le venature del marmo o del legno, hanno questa caratteristica: con un po’ di fantasia vi si può scorgere quello che si vuole. Soprattutto la figura tozza di un padre cappuccino. E dunque si gridò al miracolo, come succede. E come succede talmente spesso, anzi, che non varrebbe nemmeno la pena di citare la faccenda, se non fosse che in quel caso dopo qualche giorno partirono già i primi autobus di fedeli, primi segni di un promettente business o, se si preferisce, di una esaltante esperienza di fede. Per fortuna quelle macchie di umidità ebbero il buon senso di scomparire al cambiare del tempo.
La figura di padre Pio, anzi di San Pio, è una calamita che in modo irresistibile attira il peggio del cattolicesimo: la superstizione, il fanatismo, il miracolismo, l’esteriorità dei riti, la rinuncia al pensiero. E l’affarismo, la furbizia, l’abuso della credulità popolare. Se non vi fosse quest’ultimo aspetto – ma è mai separabile dal resto? – si potrebbe provare qualche indulgenza e vedere in una simile ridicola accozzaglia di assurdità e cattivo gusto una risposta al bisogno umanissimo di protezione.

Il padrepiismo è una delle malattie del cattolicesimo. Una malattia che, se la Chiesa avesse buon senso, cercherebbe di contrastare, e che invece alimenta, incoraggia, esalta, inseguendo un facile consenso e successo presso masse sempre più distratte, sempre meno religiose. Resasi conto della difficoltà di una evangelizzazione, la Chiesa sembra perseguire l’obiettivo più abbordabile della padrepiizzazione delle masse.

“Il cattolicesimo deve alla sua antichità e alla sua avversione per ogni violenta formazione di massa, la quiete e l’estensione che esercitano una fortissima attrazione su molti”, scriveva Elias Canetti in Massa e potere (1960). Queste parole, valide quando furono scritte, non sono più vere dopo il pontificato di Giovanni Paolo II, il papa dei raduni oceanici, che prima di allora si erano visti soltanto nei regimi totalitari. E non è un caso che sia stato lui a volere fortemente la santificazione di padre Pio. Il santo di Pietrelcina è la figura-chiave per il passaggio del cattolicesimo dal mondo pre-moderno della società contadina al mondo post-moderno della massa anonima. Espressione architettonica di questo passaggio è il nuovo santuario di San Giovanni Rotondo progettato da Renzo Piano: un non-luogo nel quale è impossibile qualsiasi esperienza che non sia, appunto, quella della immersione in una massa anonima.

Con il Vaticano II, la Chiesa aveva fatto un tentativo generoso di confronto con la modernità (ed è appena il caso di ricordare l’insofferenza di Giovanni XXIII verso padre Pio). Con Giovanni Paolo II, archiviato il Concilio, la Chiesa si è lanciata nella post-modernità. Tutta o quasi la cultura moderna viene rigettata come relativismo, si condanna la teologia della speranza, si instaura il culto della persona del papa e si esalta la santità di un frate che politicamente offre molte certezze: nessuno troverà mai, nei suoi scritti o nella sua biografia, il minimo appiglio per una interpretazione del cattolicesimo che minacci il buon ordine sociale.

Torniamo all’immagine da cui siamo partiti. Il selfie è l’espressione dell’attuale narcisismo di massa. In primo piano ci sono io, sullo sfondo tutto il resto: santo compreso. La società dei consumi, che è una società di massa, si regge al tempo stesso sul narcisismo più sfrenato. È una società che dice io, ed è un dire io sempre più disperato, perché l’io è puntellato dal possesso di cose, più che dalla sostanza viva delle relazioni sociali e spirituali. Un io solo, che più dice io più si smarrisce nella massa, più acquista più perde. In questo contesto economico e culturale, anche la fede – la fede cattolica – diventa narcisismo. “Dio ti ama, ti ama talmente tanto che è morto per te”: questo è il messaggio attraverso il quale le parrocchie vendono oggi il prodotto-Dio. Superate le inquietudini del passato, la fede è oggi una cosa semplice: in definitiva una questione di gratitudine. Dio ti ama ed è morto per te, e tu gli giri le spalle? Un gesto insensato, come spegnere la televisione o rifiutare l’offerta prendi tre e paghi due. Padre Pio, alter Christus, è il protagonista di questo cattolicesimo facile, consumistico, narcisistico. Di questo cattolicesimo disperato.

Qualche tempo fa è scomparso, in silenzio ed umiltà come è sempre vissuto, Arturo Paoli, per tutti fratel Arturo. Nei suoi più di cento anni di vita questo uomo straordinario ha fatto la resistenza, ha salvato la vita di molti ebrei durante il fascismo (per questo è stato dichiarato Giusto delle nazioni) e poi, ordinato sacerdote, ha passato tutta la vita accanto ai poveri ed ai lavoratori, non retoricamente, ma faticando e lottando con loro: al porto di Orano, nelle miniere della Sardegna, nei boschi dell’Argentina. Non aveva le stimmate, non faceva miracoli. Metteva semplicemente in pratica il Vangelo. E’ lui il rappresentante più autentico e profondo, nel cattolicesimo italiano dell’ultimo secolo, di quella che ho chiamato religione del desiderio. Il suo è un cattolicesimo purissimo, al tempo stesso semplice e raffinato, capace di dialogare con gli umili senza corromperli con il fanatismo e la superstizione, che non stringe la mano ai fascisti ma attacca il potere esigendo giustizia. Ha indicato un’altra via, la via del desiderio. Una via che è, oggi, un sentiero non segnato sulla mappa, lungo il quale è sempre più raro che qualcuno si avventuri.

(*) Antonio Vigilante, 53enne docente di Filosofia e Scienze Umane al Liceo “Santa Caterina” di Siena